xnxx http://duvporn.com pornbrothers free porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx Road to France - Gli avversari: Russia

   

A+ A A-

Road to France - Gli avversari: Russia

NAZIONALI RUSSIA INGHILTERRA GALLES EURO 2016/ MOSCA - Dopo l'approfondimento della scorsa settimana sulla Slovacchia, oggi è il turno della Russia, inserita anch'essa nel girone B, con Inghilterra e Galles.

LE STELLE

Il punto di forza della nazionale sovietica, è sicuramente Artem Dzyuba. L'attaccante dello Zenit, garantisce gol e grinta all'intera squadra e si trova probabilmente nella sua miglior stagione: dopo il trasferimento dallo Spartak, con la maglia della squadra di Sanpietroburgo, ha segnato ben 21 gol tra campionato, coppe e Champions League. Inoltre, in nazionale, ha letteralmente trasportato i compagni alla qualificazione bucando le porte avversarie con ben otto reti, classificandosi in cima alla classifica marcatori del suo girone, insieme ad un certo Zlatan Ibrahimovic.  Anche negli altri ruoli, la formazione allenata da Leonid Slutski, è ricca di giocatori conosciuti in ambito internazionale: dalla porta, dove a difendere i pali c'è Akinfeev, portiere del Cska Mosca, alla difesa dove padroneggiano i fratelli Berezutski, coadiuvati dalla spinta a sinistra dell'ex Chelsea, Zhirkov. A centrocampo invece, il punto di riferimento per il team è senza dubbio, Alan Dzagoev: classe 1990, è un autentico jolly della metà campo, dove ricopre praticamente tutte le posizioni. Si pensa che il ct Slutski lo possa far giocare sulla trequarti vista la presenza in mediana della coppia cecena, Golovin - Ivanov, che in nazionale si è sempre comportata al di sopra delle aspettative.

I PUNTI DEBOLI

La prima frazione di gioco rappresenta forse il peggior problema della Russia. Infatti, sia nelle amichevoli che nelle partite di qualificazione, la nazionale russa ha avuto enorme difficoltà nei primi quarantacinque minuti per poi riprendersi, come un "diesel", nel secondo tempo. Questa caratteristica potrebbe, nel corso della competizione, creare gravi danni alla squadra soprattutto contro team come Inghilterra e Galles, le quali hanno gioco basato su azioni improvvise, iniziate da singoli. Preoccupante anche il fatto che Dzyuba e compagni, vadano palesemente in crisi con formazioni più forti e più abili qualitativamente: in un girone B, composto da squadre che superano o almeno eguagliano i russi sotto  questo punto di vista, il cammino potrebbe ben presto complicarsi. Questo "complesso d'inferiorità" deriva oltre che da un aspetto puramente psicologico, anche dall'incertezza garantita dal reparto difensiva; in difesa, ne abbiamo già parlato prima, la Russia può contare su uomini di rinomata esperienza, i quali iniziano però a peccare dal punto di vista fisico e tecnico. Infatti, i due fratelli Berezutski non garantiscono una certa compattezza, come del resto l'altro esperto, Zhirkov, che ha ormai perso lo smalto di un tempo. L'ultimo dubbio legato alla squadra sovietica, è quello relativo al futuro di Aleksandr Kerzhakov, il più grande marcatore di sempre nella storia della nazionale. Infatti la punta, dovrebbe lottare per l'ultimo posto disponibile in attacco con Kokorin e Smolov, che sulla carta appaiono decisamente più favoriti per la chiamata finale.

IL CAMMINO

Inserita nel girone G con Austria, Svezia, Moldavia, Montenegro, Liechtenstein, la nazionale russa ha dovuto sudare le cosiddette "sette camicie" per raggiungere la qualificazione ad Euro 2016. Fondamentale tra le partite vinte ai fini della classificazione, la vittoria a tavolino in Montenegro, che ha consentito agli uomini di Slutski di allontanare a distanza di sicurezza proprio i balcanici e di mettere in sicurezza il secondo posto dalla pericolosissima Svezia. Degne di nota però anche le due sconfitte, casalinghe ed esterne, con la prima del gruppo, l' Austria, che hanno evidenziato le carenze difensive e qualitative della nazionale russa. Indimenticabile invece agli occhi dei tifosi, la vittoria del 5 settembre a Mosca, con la Svezia di Ibra, che ha praticamente consegnato alla Russia il pass per la Francia; a decidere il match in quell'occasione, un gol del solito Artem Dzyuba, che come già detto, ha letteralmente trascinato la propria squadra con gli otto gol fatti.

IL CALENDARIO

Russia v Inghilterra ore 21.00, Marsiglia, 11 giugno

Russia v Slovacchia ore 15.00, Lille, 15 giugno

Galles v Russia ore 21.00, Tolosa, 20 giugno

 

 

Ultima modifica il
Vota questo articolo
(1 Vota)
Torna in alto