xnxx http://duvporn.com pornbrothers free porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx Number Nine - Jason Scotland, The Rocket

   

A+ A A-

Number Nine - Jason Scotland, The Rocket In evidenza

Oggi raccontiamo la carriera di Jason Scotland, il ragazzo di Morvant. Jason nasce il 18 febbraio del 1979 in una cittadina del Trinidad and Tobago. Il quartiere dove vive è piuttosto povero. Lui ha una forte passione per il calcio nonché un grande talento. La madre, che crede molto in lui, fa di tutto affinché il figlio possa giocare a pallone e crescere con il sogno di tanti ragazzi del suo paese. Si fa notare sin dai tempi del liceo. Le sue doti da centravanti di razza sono piuttosto evidenti. Dopo anni trascorsi nel suo paese a suon di gol, all'età di 24 anni arriva la chiamata dalla Scozia. Età piuttosto matura, ma alla fine la chance arriva anche per lui. E' il Dundee United che lo chiama. L'estate del 2003 inizia ad allenarsi con il suo nuovo club. Nel gennaio del 2004 salta un suo trasferimento nell'Irlanda del Nord, al Linfield. Un inizio molto difficile, ma è proprio in questo momento che Jason decide di rimboccarsi le maniche. A marzo arriva il primo gol col Dundee, e quattro giorni dopo il gol-vittoria nel match contro il Motherwell. La maggior parte delle volte il ragazzo parte dalla panchina, senza mai avere una vera e propria opportunità. Nonostante le poche reti con questa maglia, ne segnerà una decisiva nella semifinale di coppa, che permetterà alla squadra di accedere alla finale (persa poi con il Celtic). Solo otto i gol in due anni di militanza. 

Nel luglio del 2005 arriva il trasferimento al St. Johnstone. La musica cambia: in due anni Jason avrà una media di un gol ogni due partite, arrivando a 33 in 66 apparizioni. Gol all'esordio con la nuova maglia e anche una tripletta in aprile. 15 le reti nella prima stagione in 31 gare. Le sue performance fanno sì che venga incluso nella squadra della sua nazionale per i mondiali in Germania. Nella seconda annata le reti sono 18, inclusa una in coppa all'ex squadra. A fine stagione verrà nominato nella top 11 del campionato. 

Nell'estate del 2007 passa in Galles, ma per giocare la League One inglese: è lo Swansea infatti ad aggiudicarselo. Jason "The Rocket", come veniva chiamato, è la speranza dello Swansea per poter dare una svolta alla sua recente storia. Aspettative che non vengono deluse: dall'esordio (con gol) all'ultima giornata, il suo contributo sarà tale da garantire la promozione in Championship. 29 gol totali e un posto nella squadra dell'anno. 50 reti in 90 presenze con i gallesi, ancora meglio delle ultime annate in Scozia. Il suo talento qua è espresso al massimo. Grande capacità di segnare, sia di destro che di sinistro, oltre che un fisico che gli permette di fare a "sportellate" con tutti. Il tutto mixato con una rapidità niente male. 

Nel luglio del 2009 passa al Wigan. Arriva la Premier League per Jason. La differenza è abissale, la massima serie è tutta un'altra cosa. 14 le presenze da titolare, per un totale di 32. Una sola rete, ma un ottimo contributo per la quinta salvezza consecutiva del club. 

Dopo un anno torna a giocare in Championship: lo acquista l'Ipswich per 500,000 sterline. Il 28 agosto del 2010 si presenta in campionato con una rete. Dal 2010 al 2013 segnerà 19 reti e riuscirà a entrare nel cuore dei tifosi. 

Nel 2013 firma un contratto annuale con il Barnsley. Anche qui, come di consueto, segna all'esordio, pochi minuti dopo essere entrato dalla panchina. Otto reti totali, di cui una fondamentale il 4 maggio del 2014 nel pareggio con l'Huddersfield che assicura la salvezza dei Reds. 

Farà ritorno in Scozia all'Hamilton, dove milita tutt'ora.

Un grande talento che secondo molti non è mai esploso del tutto. Magari, se fosse stato inglese, avremmo sentito parlare molto di più di lui. 

 

Vota questo articolo
(1 Vota)
Francesco Viscuso

Studente in Lingue, romano, nato ill 25/08/1993. Si definisce un vero e proprio football-addicted, in particolar modo di calcio inglese. 

Torna in alto