xnxx http://duvporn.com pornbrothers free porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx Number Nine - Dean Windass, il bomber di Gipsyville

   

A+ A A-

Number Nine - Dean Windass, il bomber di Gipsyville In evidenza

Gipsyville, cittadina vicina a Kingston upon Hull, nasce nel 1969 Dean Windass. Dean è un ragazzo che ama lo sport. A scuola è uno dei migliori sia a calcio che a cricket e hockey. Ma il football prevarrà sulle altre attività. E' tifosissimo dell'Hull City, e difficilmente rinuncia ad andare allo stadio. Il club da lui amato decide di ingaggiarlo per poi girarlo a farsi le ossa. Non riuscirà a convincere i Tigers, tant'è che si trasferirà in Non-League nella vicina North Ferriby United, oltre che lavorare in un cantiere e impaccare prodotti surgelati per arrotondare. A 21 anni però l'Hull City si fa convincere e decide di offrirgli un contratto professionista. La scelta di Dolan, tecnico dell'Hull, sarà ripagata al meglio: nel giro di quattro anni realizza 57 reti in Second Division. Conosce inoltre Helen, sua futura moglie, che lo aiuterà a mantenere una bilanciata alimentazione e gli sarà sempre vicina durante tutto l'arco della carriera. I tifosi lo eleggono come quarto miglior giocatore di sempre del club. Nell'estate del 1995 passa all'Aberdeen per 700,000 sterline, cifra record incassata dal club orange. Qui lui mostra tutto il suo carattere vivace: riceverà sei giornate di squalifica per aver insultato l'arbitro e aver rotto la bandierina del calcio d'angolo con un calcio dopo un'espulsione. In tre anni arrivano solo 21 reti. Nel 1999 passa all'Oxford, ma le sue 15 reti non riescono a evitare la retrocessione in Second Division. La sua carriera decolla totalmente l'anno successivo quando il tecnico Jewell, in procinto di creare una squadra che possa lottare per la promozione, lo porta a Bradford. Dopo 77 anni, il City conquista la promozione in Premiership. Windass viene acquistato totalmente per un milione. Durante l'estate non va in vacanza: rimane ad allenarsi per poter trovarsi ad affrontare al meglio la sua prima stagione nella massima serie. 10 gol (3 in un clamoroso 4-4 col Coventry) e salvezza ottenuta all'ultima giornata con l'1-0 ai danni del Liverpool. Le cose peggiorano la stagione successiva quando sulla panchina siede Hutchings: inevitabile la retrocessione. 

Nel 2003 torna al Bradford City dove non si respira una buona aria: non ci sono i soldi per pagare i giocatori, per questo il club viene retrocesso in Second Division. 28 gol per Windass, che diventa il terzo miglior marcatore della squadra. 

Nel gennaio del 2007 arriva il tanto atteso ritorno nel suo Hull City. Con le sue 8 reti in quattro mesi riesce a salvare i Tigers: decisiva la rete alla penultima giornata nella trasferta gallese a Cardiff. 

Il 24 maggio del 2008 viene ricordato come il giorno del suo picco in carriera: con la rete numero 201 da professionista, a Wembley, porta l'Hull alla sua prima storica promozione in Premier League. Offrirà il premio di uomo partita all'allenatore in seconda Horton, con il quale aveva un rapporto fantastico. 

A fine carriera avrà problemi di depressione e rivelerà di aver tentato il suicidio due volte. Tale condizione lo convince a ritornare a giocare a pallone, proprio perché non avrebbe mai voluto smettere di giocare.

L' Hull City Council vuole tutt'ora omaggiarlo costruendo una statua in suo onore, ma lui continua a rifiutare l'offerta con tali parole: "Non sono una leggenda. Ci sono persone che lottano per il proprio paese e che rischiano la vita in Iraq. Io sono solo uno che ha avuto la fortuna di guadagnare tanti soldi praticando ciò che ho sempre amato."

 

Vota questo articolo
(0 Voti)
Francesco Viscuso

Studente in Lingue, romano, nato ill 25/08/1993. Si definisce un vero e proprio football-addicted, in particolar modo di calcio inglese. 

Torna in alto