A+ A A-

Football League, Newcastle a rischio esclusione per conflitto d'interessi In evidenza

NEWCASTLE CHAMPIONSHIP / NEWCASTLE UPON TYNE - Da quando pochi giorni fa il Sunderland ha battuto l'Everton condannando il Newcastle alla discesa in Championship, in riva al Tyne si fa un gran parlare di termini come "rifondazione", "ricostruzione", "ripartenza"; a rovinare la resurrezione dei Magpies, tuttavia, sono i regolamenti della Football League, che hanno messo alle corde il proprietario del club.

 

Mike Ashley, numero uno di St. James' Park e azionista di minoranza dei Glasgow Rangers, sarebbe infatti atteso negli uffici della Football League per chiarire gli accordi commerciali con il club di Ibrox. In particolare, sotto la lente di ingrandimento dell'organo, ci sarebbe quella proprietà del 49% della compagnia che produce e distribuisce il merchandising dei Gers.

Si tratterebbe di conflitto d'interessi, e il Newcastle potrebbe perfino vedersi escluso dalla Championship nel caso in cui il suo patron decidesse di non cedere i suoi interessi commerciali in Scozia. "I regolamenti della Football League sono diversi da quelli di Premier - spiega un portavoce della lega -. Agli azionisti è permesso detenere soltanto 9.9 % delle quote di un club, ma solo a fine di investimento. Se il Newcastle vuole diventare un membro effettivo, dovremo prima verificare gli interessi del suo presidente".

Ashley detiene l'8.2 % delle quote di Ibrox ma, come detto, a far discutere la FL è quell'accordo commerciale nel campo del Merchandising che consente al proprietario di Sports Direct di intascare un quattro pence per ogni pound speso all'interno del Rangers Store. "Qualsiasi interesse di un presidente deve essere discusso con noi - prosegue il portavoce -. Il Newcastle rischia la violazione degli articoli 10 e 11 del nostro regolamento, quelli che proibiscono che un patron possa avere interessi commerciali in altri club".

"Se chi di dovere non prenderà una scelta, rischia l'espulsione. E vorremmo ricordare che questa non prevedere nessun tipo di ricorso". A breve, dunque, Mike Ashley si riunirà con Dave King, numero uno di Ibrox, per decidere il da farsi. La notizia ha invece strappato un sorriso ai tifosi dei Rangers, che da anni sono sul piede di guerra affinchè il proprietario del Newcastle lasci il club.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Andrea Dimasi

Ha fatto parte dello staff della Nazionale inglese di rugby ai Mondiali under 20 del 2015. Giornalista per il quotidiano Bresciaoggi, qualche comparsata in tv e in radio. Amante di storia e cultura britannica, accanito ground-hopper degli stadi d'oltremanica, segue il calcio inglese da oltre quindici anni. So occupa principalmente di aspetti economici del calcio e di serie minori. E' co-fondatore della pagina Facebook Football League Italia e autore del libro "Old Firm - La battaglia di Glasgow", edito da Urbone Publishing.

Torna in alto