http://duvporn.com pornbrothers hd young porn mobile porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx The Final Lane

   

A+ A A-

The Final Lane In evidenza

"Addio, monti sorgenti dall'acque, ed elevati al cielo; cime inuguali, note a chi è cresciuto tra voi, e impresse nella sua mente, non meno che lo sia l'aspetto de' suoi più familiari; torrenti, de' quali distingue lo scroscio, come il suono delle voci domestiche; ville sparse e biancheggianti sul pendìo, come branchi di pecore pascenti; addio! Quanto è tristo il passo di chi, cresciuto tra voi, se ne allontana!"

Con queste struggenti parole, Alessandro Manzoni nei "Promessi Sposi" si addentrava nei pensieri di Lucia durante il suo forzato addio alla città natia, nel silenzio della notte. Probabilmente uno dei passi più conosciuti dell'intero romanzo, senza dubbio il più lirico, che rispecchia i tristi sentimenti che da sempre accompagnano l'emigrante quando si accinge a lasciare tutto ciò che ha di più caro per un futuro incerto e diverso. 

Un sentimento che nell'arco della settimana ha accomunato tutti i tifosi del Tottenham, che dopo 118 anni hanno porto l'ultimo saluto al White Hart Lane, cornice di tanti storici successi, teatro in cui si sono esibiti alcuni tra i più grandi artisti del pallone, luogo che ha accompagnato la vita di milioni di tifosi e scandito la quotidianità del Nord di Londra a cavallo di 2 secoli. 

 

Si chiude un capitolo, questa volta per davvero. Se ne apre uno nuovo per il Tottenham e i suoi tifosi. E non si può negare il fatto che siano state piantate basi piuttosto solide per il futuro della squadra. Nonostante i tifosi dovranno spostarsi di pochi metri, considerando anche che il terreno dove era situato lo stadio verrà coinvolto nel lavoro per il nuovo impianto, il corpo al cuore non è indifferente. Se ne va un pezzo di storia del campionato inglese, una struttura alle volte anche troppo piccola per l'entusiasmo che si è sempre respirato dalle parti del nord di Londra, sponda Spurs. Già, perché nonostante la bacheca dei trofei del club non sia delle migliori, l'atmosfera è sempre stata quella di un top club. Basti pensare che uno dei motivi principali che ha spinto alla costruzione del nuovo stadio è il fatto che i 36.300 posti a sedere siano risultati negli anni fin troppo pochi: per poter assistere ai match del Tottenham, vi sono liste di attesa incredibili per i biglietti. Ecco che allora, per poter soddisfare tutti, è stato pianificato uno stadio da 60.000 posti che risulterà essere, a detta loro, uno dei più bei stadi al mondo. 

Un'ultima partita per celebrarlo al meglio. Un 2-1 contro il Manchester United, la squadra più titolata della nazione, con l'ultimo gol per i padroni di casa segnato da un figliol prodigo, Harry Kane, con un tocco di classe che ha lasciato tutti col fiato sospeso fino al momento in cui la palla non ha gonfiato la rete. E proprio nel Manchester United è cresciuta una leggenda del calcio inglese e internazionale come David Beckham, che proprio in quest'occasione ha ricordato i suoi trascorsi nelle giovanili degli Spurs, di quando col nonno percorreva la East End per andare ad assistere, proprio in quel teatro, a quelli che erano allora i suoi beniamini. Di come provava gusto a segnare, ogni volta, a ogni squadra di Londra (in particolar modo all'Arsenal), così come soffriva un po' nel battere il Tottenham, per via di quella passione che da bambino lo ha fatto innamorare di questo sport. 

Il ricordo di un idolo da quelle parti come Gary Lineker, che in quello stadio si è coronato capocannoniere nella stagione 1990 e, l'anno successivo, ha alzato al cielo l'ultima FA Cup dopo averla vinta a Wembley. Di Klinsmann, che prima di questa stagione, l'ultima volta che il Tottenham finì sopra l'Arsenal era il miglior marcatore della squadra. Ma anche di gente che ha gli Spurs nell'anima ma, per un motivo o per un altro, hanno dovuto abbandonare il club troppo presto come Townsend che ha salutato come un tifoso l'impianto.

La squadra ha chiuso da imbattuta in casa la stagione. Le uniche sconfitte "interne" sono arrivate in Champions League, a Wembley, quella che sarà la "casa" per la prossima stagione ma che, di fatti, tanto famigliare non è. L'ultima stagione chiusa anche sopra all'Arsenal, col verdetto stabilito proprio nell'ultimo North London Derby giocato qua. E' sembrato tutto così magico nell'ultima stagione, vissuta intensamente come non mai. Con la speranza dei tifosi di poter sorridere al futuro, col bel ricordo di quanto passato su quegli spalti e col saluto diretto, e così istintivo, di chi è voluto scendere in campo per poter celebrare al meglio il posto dove più di ogni altra parte ha vissuto emozioni profonde. 

Mauricio Pochettino and his Tottenham squad

Anche il cielo ha pianto quel giorno, ma ha mostrato poi un arcobaleno, come a dire che si gioirà ancora da quelle parti. Col sorriso, addio a White Hart Lane.

Thank you for the best memories. 




Scritto da Francesco Viscuso e Diego Megale

Ultima modifica il
Vota questo articolo
(0 Voti)
Redazione Uk Premier

Ukpremier.it nasce da un'idea di appassionati del football d'oltremanica e mira a diventare il punto di riferimento per tutti coloro che amano il calcio e gli sport inglesi. Dalla Premier League alla League Two, dalle coppe ai vari sport d'oltremanica, passando per rubriche e viaggi nella storia del calcio. Tutto quello che serve per rimanere informarti e gustarsi la vera essenza degli elementi portanti del mondo calcistico britannico.

Torna in alto