xnxx http://duvporn.com pornbrothers free porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx Spaghetti in Uk - Il calcio raccontato oltremanica: Stanley Matthews, il calciatore più anziano della storia

   

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 787

A+ A A-

Spaghetti in Uk - Il calcio raccontato oltremanica: Stanley Matthews, il calciatore più anziano della storia In evidenza

STANLEY MATTHEWS/ STOKE - Dopo aver raccontato settimana scorsa del calciatore più anziano, l'Inghilterra può fregiarsi di un altro record, vale a dire l'aver visto su un campo professionistico un calciatore di ben 50 ANNI, qui racconteremo la sua storia. 

STANLEY MATTHEWS, nacque ad Hanley, città aggregata a Stoke nel 1915. La sua carriera di calciatore iniziò prestissimo quando vestì i colori della squadra della sua città, lo STOKE CITY, nel 1932. Poco dopo fece infatti la sua prima apparizione con la Nazionale inglese a 19 anni, realizzando una rete.

Stanley, era un'ala destra e pagò la sospensione dei campionati a causa della Seconda Guerra Mondiale. A seguito comunque del conflitto mondiale si trasferì al BLACKPOOL, dove continuò a giocare con la maglia della Nazionale, sino alla veneranda età di 42 ANNI (record ancora imbattuto per la sua Nazionale). Tra i vari trofei in bacheca, nel 1956 vinse il PALLONE D'ORO. Negli ultimi anni della sua carriera, ritornò allo Stoke, che contribuì a riportare in FIRST DIVISION (all'epoca la massima serie inglese), arrivando poi a disputare l'ultima partita all'età di 50 anni, record assoluto tutt'ora imbattuto. 

Stanley era un'ala alla vecchia maniera, uno che ha giocato ben 33 ANNI sempre sulla fascia destra, dribblando intere generazioni di difensori, per i britannici Matthews giocava un altro calcio, palla a terra in velocità, precisione, tecnica, molto più latino che british. Lui era uno di quelli nato calciatore in un calcio pionieristico, uno di quelli allevato da un padre ex pugile che sin da bambino gli aveva insegnato il rispetto per il lavoro, per la fatica e per l'allenamento. 

A onor del vero, Stanley Matthews quando ricevette il primo pallone d'oro nel 1956, per lui fu un riconoscimento quasi onorario, una sorta di premio nei confronti di un fuoriclasse senza tempo e senza età. Ed è giusto che a fare da capostipite a tutti i migliori calciatori del mondo ci sia uno come lui. 

Stanley Matthews, il calciatore del quale un giorno PELE' disse: "l'uomo che ci ha insegnato come si dovrebbe giocare a calcio". 

 

 

 

Ultima modifica il
Vota questo articolo
(2 Voti)

Torna in alto