xnxx http://duvporn.com pornbrothers free porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx Spaghetti in Uk - Il calcio raccontato oltremanica: Duncan Edwards e quello schianto maledetto a Monaco di Baviera

   

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 787

A+ A A-

Spaghetti in Uk - Il calcio raccontato oltremanica: Duncan Edwards e quello schianto maledetto a Monaco di Baviera In evidenza

DUNCAN EDWARDS MANCHESTER UNITED/ MANCHESTER - Questa è la storia di un talento vissuto pochissimo, Duncan Edwards soprannominato "Big Dunc" è vissuto soltanto 22 anni, anche se non sono stati troppo pochi per arrivare a definirlo anche più forte di Best.

Duncan è nato il 1 ottobre 1936 a Dudley. Si è avvicinato al mondo del calcio grazie alla scuola, infatti giocò diversi anni nella Selezione Scolastica del proprio istituto, fu in occasione di un incontro con i pari di categoria di un istituto del Galles che emerse il suo talento, al punto che grazie ad un osservatore del MANCHESTER UNITED, egli venne poi tesserato dai Red Devils in adolescenza. A Manchester, esordì in Prima Divisione all'età di 16 anni, per poi debuttare anche in prima squadra, nella quale giocò ben cinque anni da professionista.

Duncan giocava centrocampista difensivo, ma era molto versatile, tant'è che un giorno il suo allenatore lo mise in campo prima punta. Dotato di ottima forza fisica, duttilità e grande personalità, si guadagnò il soprannome "BIG DUNC" che derivava da un incrocio tra il suo nome Duncan e la parola carro armato tradotta in inglese come "The Tank". Egli, a differenza di altri giocatori che militarono in quell'epoca con la casacca dei Red Devils, per tutelarsi da un eventuale fallimento nel mondo del pallone, continuò a svolgere la professione di carpentiere saldatore, elemento che contribuiva a far si che fosse una persona molto semplice anche al di fuori dei riflettori.

Nella sua carriera professionistica, contribuì al successo del Manchester, in due edizioni di FIRST DIVISION, nel 1957, finì terzo nella graduatoria stilata per il PALLONE D'ORO. Edwards avrebbe potuto non soltanto diventare più forte anche del mitico George Best ma sarebbe potuto arrivare a indossare la fascia di capitano nella NAZIONALE inglese. Tutto questo sarebbe stato possibile soltanto se nel febbraio del 1958 l'aereo che lo stava riportando a casa da una partita a Belgrado, contro lo STELLA ROSSA, non fosse caduto.

L'aereo che trasportava Edwards e i compagni di squadra si schiantò in fase di decollo a Monaco di Baviera, dove si era fermato per fare rifornimento. Il bilancio della tragedia fu molto grave, 21 giocatori morti, tra cui sette giocatori. Edwards fu portato in ospedale in gravi condizioni. Nonostante il giovane Duncan lottò per rimanere in vita, si spense due settimane più tardi per insufficienza renale acuta. Venne poi sepolto al cimitero di Dudley, sua città natale alla quale era molto legato. Al suo funerale parteciparono ben 5000 persone. 

151 presenze, 20 reti siglate e cinque stagioni di professionismo nel Manchester United, questa la sua breve ma intensa carriera, iniziata nel 1953 e conclusasi tragicamente nel 1958.

Sulla sua tomba, ancor oggi visitabile, è presente questa scritta: "A day of a memory, Sad to recall, without farewell, he left us all", "UN GIORNO DI MEMORIA, TRISTE DA RICORDARE, SENZA ALCUN CONGEDO, HA LASCIATO TUTTI NOI".

 

 

 

 

 

Ultima modifica il
Vota questo articolo
(0 Voti)

Torna in alto