A+ A A-

Road to Russia 2018: il punto sulle altre britanniche In evidenza

NAZIONALI QUALIFICAZIONI RUSSIA 2018 IRLANDA DEL NORD GALLES REPUBBLICA D'IRLANDA/REGNO UNITO- Non sono mancati spettacolo e colpi di scena improvvisi nelle gare di qualificazione che vedevano le selezioni britanniche impegnate nel weekend. Otre al pari spettacolare di Hampden Park, infatti, c'è stata grande incertezza anche nelle gare di Irlanda del Nord, Galles e Repubblica d'Irlanda. Andiamo a scoprire come sono andati gli incontri.  

Partiamo proprio dall'Ulster, che ha ottenuto un preziosissimo successo in casa di un Azerbaigian mai domo come testimoniano le parole di Jonny Evans al termine dell'incontro: "Per la prima volta mi sono sentito dispiaciuto per gli avversari", ha dichiarato il difensore del West Bromwich Albion ai microfoni della BBC. L'ottima organizzazione della squadra di Prosinecki non ha permesso all'Irlanda del Nord di giocare come sa fare di solito e la vittoria è arrivata solamente nei minuti di recupero grazie ad un diagonale di Stuart Dallas. Situazione di classifica ottimale per l'undici di Micheal O'Neill, che allunga sulla Repubblica Ceca bloccata dalla Norvegia, e avvicina così la possibilità degli spareggi di qualificazione visto che la capolista Germania sembra ormai inarrestabile. Anche il calendario gioca in favore dell'Ulster, che il 1° settembre farà visita al fanalino di coda San Marino, mentre la Repubblica Ceca ospiterà la capolista Germania. Nuovo allungo in vista? 

 

L'esultanza dei tifosi nordirlandesi al momento del gol vittoria

 

Continua invece a regnare l'equilibrio nel gruppo D, dove nella sesta giornata ci son stati tre pareggi in altrettante partite che non hanno mosso affatto una classifica che continua a rimanere incerta almeno nelle prime due posizioni. 

Iniziamo dalla Repubblica d'Irlanda, che contro l'insidiosa Austria gioca uno dei peggiori primi tempi e chiude sotto di una rete per merito del diagonale di Hinteregger su schema da calcio d'angolo che non dà scampo a Randolph. Grande nervosismo nell'Eire, con Brady e Christie che finiscono nell'elenco dei cattivi dopo due entrate bruttissime. La ripresa vede un cambio di mentalità per l'undici di Martin O'Neill, con gli ingressi di Daryl Murphy e Wesley Hoolahan che danno più vitalità ad una squadra che costruisce poco e male vista l'imprecisione nelle conclusioni di James McClean, che da buona posizione non centra la porta in due circostanze. A firmare il pareggio è l'attaccante dello Stoke City John Walters, che a cinque minuti dal termine sfrutta un lancio lungo da centrocampo sul quale elude l'intervento di Dragovic e fa partire una conclusione precisa sul secondo palo che si rivela imprendibile per il portiere Lindner. Una volta ritrovata la serenità l'Eire cerca anche il gol vittoria che la lancerebbe in testa alla classifica e lo troverebbe tre minuti dopo su azione da calcio d'angolo, se non fosse per l'ingenuità di Michael Duffy, che alza il braccio nel saltare su un pallone che viaggiava verso la linea di porta e che avrebbe potuto terminare la sua corsa in fondo alla rete.

Un gol non concesso che ha lasciato molto perplesso il ct O'Neill, che al termine della gara ha espresso la sua rabbia per la controversa decisione arbitrale. Queste le parole rilasciate alla BBC: "Non capisco il perché della decisione. E' stato chiamato un fallo che per me non c'è o non riesco a capire". Nonostante l'occasione mancata, i Bhoys In Green avranno una grossa possibilità per rifarsi nel match del prossimo due settembre in casa della Georgia, fanalino di coda ma in ripresa nelle ultime gare. 

Il momento della tanto discussa decisione arbitrale sul gol annullato a Shane Duffy

Se per l'Eire si può parlare di due punti persi, non si può dire altrettanto per il Galles di Chris Coleman, che in emergenza viste le assenze di Bale e Taylor conquista un ottimo punto sul campo dell'altra capolista Serbia e rimane a meno quattro dal duo di testa Serbia-Irlanda. Nonostante due assenze pesanti i dragoni giocano una partita audace e vanno in vantaggio al trentacinquesimo quando su un calcio d'angolo dalla destra Vokes viene trattenuto in piena area di rigore guadagnandosi un giusto penalty. A batterlo si presenta Aaron Ramsey, che con audacia decide di optare per il cucchiaio spiazzando completamente il portiere Stojkovic per l'1-0.

Aaron Ramsey festeggiato dai compagni dopo il cucchiaio dal dischetto con cui il Galles ha sbloccato la gara

La ripresa vede gli uomini di Coleman soffrire l'avanzata dei padroni di casa ma Hennessey si rivela molto bravo nell'evitare il peggio. Il portiere dei dragoni deve però soccombere a meno di un quarto d'ora dal termine quando Alexandar Mitrovic si presenta a tu per tu con il portiere dopo aver vinto un rimpallo e lo batte con una conclusione sul primo palo per il gol del pari. Un risultato questo che lascia un briciolo di speranze agli uomini di Coleman, come dichiarato dallo stesso manager al termine della gara di Belgrado ai microfoni della BBC: "So che la gente guarda i quattro punti che ci separano dalle prime due a quattro giornate dal termine, ma sono sicuro al 100% che riusciremo a colmare il divario che ci separa da Serbia ed Irlanda". 

Riusciranno i dragoni a ribaltare la situazione? L'unica cosa certa è che servirà un successo nel match del due settembre contro l'Austria per continuare a sperare di arrivare almeno agli spareggi. 

 

Ultima modifica il
Giulio Bianco

Studente classe 90, un diploma da Ragioniere ed una laurea in lingue (ambito turistico) alle spalle, ha una passione per il football d'oltremanica nata grazie a Gianfranco Zola. Ama il calcio in generale, ma soprattutto le "lower leagues".

Torna in alto