A+ A A-

Sei Nazioni 2016 - game over: l'Inghilterra è campione

VI NATIONS 2016 4° GIORNATA / LONDRA - Il quarto turno del Sei Nazioni 2016 è quello che fa calare definitivamente il sipario sulla corsa per il titolo. L'Inghilterra batte il Galles e, complice il successo della Scozia di 24 ore dopo, può dunque festeggiare la vittoria con un turno di anticipo. Per la Rosa si tratta del ritorno sul gradino più alto del podio dopo cinque anni di assenza, e per Eddie Jones si tratta del miglior biglietto da visita possibile.

 

INGHILTERRA 25-21 GALLES

E partiamo proprio dal big-match di questo quarto turno. Proprio dove lo scorso settembre i Dragoni avevano inflitto la sconfitta che causò l'uscita dell'Inghilterra dai Mondiali 2015, aprendo all'addio di Stuart Lancaster, con sei mesi di attesa Farrel e compagni si prendono la rivincita più dolce possibile. A Twickenham è partita vera soltanto negli ultimi venti minuti, quando dopo un letargo di un'ora la squadra di Gatland si sveglia da torpore e si avvicina a portare a termine una clamorosa rimonta. Tuttavia il successo finale nasce dalla bravura degli inglesi a interpretare una gara difficile; per sessanta minuti Warburton e soci restano bloccati dalla "ragnatela" tessa dalla difesa di Jones. Motivazioni, forza tecnica e quel briciolo di spavalderia che nello sport non guasta mai sono gli ingredienti che riportano dunque l'Inghilterra in cima al Sei Nazioni. Il nuovo corso del ct australiano è solo all'inizio, ma un collettivo del genere non può far altro che migliorare. L'obiettivo resta il Mondiale di Giappone 2019, ma sbaragliare la concorrenza europea è il primo passo per sgambettare poi gli All Blacks. E ora, nel prossimo match di Saint-Denis contro la Francia, c'è ancora la missione Grande Slam da portare al termine.

SCOZIA 29-18 FRANCIA 

Una vittoria degli scozzesi ha aperto al successo dell'Inghilterra. A Edimburgo è difficile accettare una cosa del genere, ma a Murrayfield hanno mille motivi per sorridere. La vittoria sui Galletti è il successo del corso tecnico di Vern Cotter. Dopo tanti giri a vuoti, Inghilterra 2015 esclusa, gli Highlanders stanno finalmente raccogliendo i frutti del lavoro seminato fin qui. I Cardi sono una squadra giovane e che diverte; giocano con motivazione e orgoglio, e questo Sei Nazioni 2016 è il miglior torneo giocato negli ultimi anni. La Scozia ha saputo prendere le misure ai Blues in mischia ordinata e nei punti d'incontro, raccogliendo una vittoria meritata. Sebbene quest'anno la squadra sia più completa della scorsa edizione, l'impressione è sempre la stessa: nel giro di un biennio la Scozia potrà tornare a giocarsi il titolo "lassù" in classifica. Poco da dire sulla Francia. Dopo le "sporche" vittorie contro Italia e Irlanda, le cadute di Cardiff e Edimburgo hanno messo in luce i veri problemi della Nazionale di Guy Noves. A Murrayfield bene il gioco in campo aperto e il giusto appiglio in avvio di ripresa. C'è però da lavorare. Tanto.

IRLANDA 48-14 ITALIA

La partita può essere tranquillamente sintetizzata in una riga: un'Italia in formazione di emergenza perde entrambe le seconde linee nel primo tempo e crolla sotto il peso di nove mete, riuscendo almeno a fare i 14 punti che salvano la dignità ma non cancellano i problemi degli Azzurri. Per i Verdi si tratta della prima vittoria nel Sei Nazioni 2016, ottenuta più per i problemi tecnici dell'avversario che per merito di Sexton e soci. I campioni in carica abdicano nel primo vero anno del post 0'Driscoll-O'Connell. C'è subito da voltare pagina. Per quanto riguarda l'Italia, l'ennesimo naufragio di Dublino ha riportato sul tavolo della discussione le solite domande e i tanti dubbi sul movimento azzurro. La cosa più bella del pomeriggio irlandese è stata la dichiarazione post-gara di Parisse, quando il capitano ha ammesso che: "questi giovani hanno imparato di più in un mese di Sei Nazioni che in un anno di Eccellenza". Oggi si apre l'ultima settimana di lavoro di Jacques Brunel, che da sabato sera non sarà più il commissario tecnico dell'Italia. Gridare "bisogna fare qualcosa" per l'ennesima volta non ci salverà.

Classifica: Inghilterra 8, Galles 5, Scozia 4, Francia 4, Irlanda 3, Italia 0.

Prossimo turno, 19 marzo:

Galles-Italia

Irlanda-Scozia

Francia-Inghilterra

Andrea Dimasi

Ha fatto parte dello staff della Nazionale inglese di rugby ai Mondiali under 20 del 2015. Giornalista per il quotidiano Bresciaoggi, qualche comparsata in tv e in radio. Amante di storia e cultura britannica, accanito ground-hopper degli stadi d'oltremanica, segue il calcio inglese da oltre quindici anni. So occupa principalmente di aspetti economici del calcio e di serie minori. E' co-fondatore della pagina Facebook Football League Italia e autore del libro "Old Firm - La battaglia di Glasgow", edito da Urbone Publishing.

Torna in alto