pornbrothers hd young porn mobile porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx BT Sport ammette: "Abbiamo censurato i cori pro-IRA dei tifosi del Celtic durante il match con l'Hamilton"

   

A+ A A-

BT Sport ammette: "Abbiamo censurato i cori pro-IRA dei tifosi del Celtic durante il match con l'Hamilton" In evidenza

Non è passato inosservato al pubblico dei social network l'insolita riduzione del volume ambientale da parte dell'emittente televisiva durante il match di campionato tra Hamilton e Celtic. 

Sta facendo discutere la scelta della BT Sport - emittente televisiva che in Scozia detiene insieme a Sky Sports i diritti per trasmettere la Scottish Premiership - di censurare alcuni cori a sfondo politico intonati dai tifosi biancoverdi in trasferta ad Hamilton. Nel corso del match infatti sono stati chiaramente avvertiti dal settore riservato ai sostenitori del Celtic molti cori a favore dell'IRA (acronimo di Irish Republic Army. organizzazione militare clandestina sorta in Irlanda durante i primi del Novecento per liberare l'isola dalla presenza inglese) che sono stati immediatamente censurati dalla BT Sport attraverso una sensibile modifica dell'audio. Ciò ha scatenato molte polemiche tra i tifosi biancoverdi, a tal punto che sulla questione è dovuto intervenire un portavoce dell'emittente televisiva: "Il comportamento inappropriato delle tifoserie durante gli eventi sportivi può potenzialmente offendere i nostri spettatori e per questo dobbiamo prevenire tali azioni anche attraverso la modifica dell'audio durante le dirette". 
Ricordiamo che già questa estate il Celtic fu costretto a pagare una multa di £20.000 sterline a causa di alcuni striscioni politici esposti dalla Green Brigade, la frangia più calda del Celtic Park, inneggianti all'IRA durante l'andata dei preliminari di Champions League contro i rivali protestanti-unionisti del Linfield (vedi foto copertina). 


Articolo originale: http://www.dailyrecord.co.uk/sport/football/football-news/we-muted-celtic-fans-chants-11141097

Ultima modifica il
Diego Megale

Classe 1994, cresciuto sui pericolanti spalti del Granillo di Reggio Calabria, oggi vive nella borghese Milano dove studia Scienze della Comunicazione e intraprende i primi passi nel mondo radiofonico. Twitter (@d_megale)   

 

 

Torna in alto