pornbrothers hd young porn mobile porn porn video teen porn porn site XXX Porn Free porn videos Xnxx I più grandi colpi dei talent scout della Premier League

   

A+ A A-

I più grandi colpi dei talent scout della Premier League In evidenza

PREMIER LEAGUE TALENT SCOUT / REGNO UNITO - Abbiamo raccolto per voi i più grandi colpi di mercato fatti dai talent scout dei più grandi club inglesi, trovando storie curiose ed affascinanti.

Il lavoro del talent scout può essere uno dei più redditizi in un club di calcio, portando la società ad incassare cifre non indifferenti, guadagnando su plusvalenze importanti. Vediamo ora i dodici colpi più importanti messi a segno sfruttando proprio questa tecnica di mercato.

 

-Yohan Cabaye (Newcastle United)

Il caposcout dei Magpies Graham Carr, fu incaricato dal proprietario Mike Ashley di scovare in giro per l’Europa giocatori di talento dall'ingaggio basso e con il contratto in scadenza. Carr andò così a pescare al Lille il playmaker francese Yohan Cabaye che all'epoca guadagnava solamente seimila sterline a settimana. Il Newcastle offrì quindi un ingaggio quadruplicato al giocatore e 3,6 milioni di sterline al club transalpino. Nella prima stagione al St. James’ Park Cabaye divenne il top player dei Magpies e dopo aver resistito a varie offerte, nel 2014 il club inglese l’ha ceduto al PSG per 19 milioni di sterline dopo solo tre stagioni nel Tyneside.

 

-Simon Mignolet (Sunderland)

L’allenatore dei portieri dei Black Cats Nigel Spink, in vancaza in Belgio, va a vedere una partita di Seconda Divisione del modesto Saint-Truden, dove tra i pali milita il giovane Simon. Il giocatore piacque; Spink avvertì così Steve Bruce, il quale tornò a vederlo altre volte. Nell'estate del 2010 viene quindi acquistato per £1.6 milioni bruciando sul tempo i top club belga. Il portiere si adatta subito e diventa uno dei giocatori migliori della rosa, guadagnandosi anche la nazionale. Verrà poi venduto per 9 milioni di sterline al Liverpool nel 2013, dove prenderà il posto di Reina.

 

-Morgan Schneiderlin (Southampton)

Schneiderlin arrivò ai Saints a soli 18 anni, nel 2008 su consiglio dell’ex allenatore delle giovanili Georges Prost in cambio di 1.2 milioni di sterline dallo Strasburgo. Con il Southampton colleziona la bellezza di 261 presenze e 15 reti. Nel 2015 verrà poi ceduto al Manchester United per la cifra record di 35 milioni di £. Con questi numeri si conquista anche la nazionale francese con la quale disputa il mondiale brasiliano e l'europeo del 2016.

 

-Ian Wright (Crystal Palace)

Nel 1985 il Palace viene contattato da Billy Smith, manager del piccolo club londinese Dulwich Hamlet, per visionare un attaccante 21enne. Ian davanti al talent scout Peter Prentice segna dopo soli 20 secondi e con una partita fantastica si guadagna un provino a Selhurst Park. “Un vincente al 100 per cento” secondo John Griffin, un altro talent scout del Crystal Palce. Il 22enne Wright firma così per le Eagles in cambio di 200 sterline in materiale tecnico, diventerà una stella ceduta poi all’Arsenal per 2,5 milioni di sterline. Con i Gunners metterà a segno ben 185 reti.

 

-Javier Hernandez “Chicharito” (Manchester United)

Monitorato dai Red Devils fin dal 2005, venne consigliato dal Naizonale messicano Marco Garces, in buoni rapporti con Jim Lawlor, caposcout dello United. Nel dicembre 2009 Garces fornisce una relazione positiva e Lawlor all’inizio del 2010 lo visiona tre volte, viene in seguito ingaggiato ad aprile 2010 per 6 milioni di euro dal club messicano del Chivas. Con i Red Devils colleziona ben 157 presenze e 59 reti. Nel 2014 viene ceduto in prestito per una stagione al Real Madrid e successivamente ceduto in Bundesliga al Bayer Leverkusen per 15 milioni.

 

-Seamus Coleman (Everton)

Il talent scout dell’Everton, Mick Doherty, osserva Coleman nel campionato irlandese su invito dell’ex centrocampista Paul Cook. Il giovane viene prelevato per £60,000 dallo Sligo Rovers nel 2009. Con i Toffes l'irlandese mette in bacheca ben 247 presenze; diventando anche il migliore terzino destro della Premier nella stagione 2013/2014.

 

-Sami Hyypia (Liverpool)

Al dirigente del Liverpool Peter Robinson, nel 1999, viene segnalato un centrale difensivo del Willem. L’ex difensore Ron Yeats, caposcout dei Reds, viene mandato in Olanda per visionare il giocatore. Il report è fantastico, e viene così comprato per 2,5 milioni di sterline. “Uno dei migliori affari che abbiamo fatto negli anni” dirà qualche tempo dopo lo stesso Yeats. Il finlandese Hyypia ha collezionato oltre 300 presenze con il Liverpool, arrivando fra i primi 25 giocatori della storia dei Reds per numero di presenze. Si è trasferito al Bayer Leverkusen solo nel 2009, dopo ben dieci stagioni in maglia rossa.

 

-Sadio Mané (Southampton)

Il Southampton è uno dei più grandi club che vive grazie alle cessioni dei suoi top player, ma che continua ininterrottamente con la sua opera di scouting per trovare nuovi talenti. Uno dei colpi più importanti degli ultimi anni è stato Sadio Mané, giovane senegalese proveniente dal Red Bull Salzburg. Manè nelle sue prime due stagioni in Inghilterra stupisce tutti mettendo a segno 25 gol in 74 presenze. Con questi numeri i più grandi club del mondo pongono su di lui la propria attenzione, ma sarà il Liverpool di Jurgen Klopp ad aggiudicarsi il giocatore per la cifra record di 41,2 milioni di euro nell'estate del 2016.

 

-Ryan Shawcross (Stoke City)

Cresciuto nel settore giovanile del Manchester United Shawcross non ha mai esordito con i Red Devils. Fu quindi preso da Tony Pulis allo Stoke nel 2007, su suggerimento del procuratore del difensore. Ingaggiato inizialmente in prestito, fu riscatto per 1 milioni di sterline nel gennaio 2008. E’ diventato uno dei centrali difensivi più continui della Premier League, riuscendo anche a conquistare la convocazione con la nazionale inglese. Al giorno d'oggi è valutato più di 15 milioni.

 

-Raheem Sterling (Liverpool)
Appena 14enne giocava con l’U18 del Qpr, fu visto da Mark Anderson, talent scout del Liverpool, in una partita contro il Crystal Palace. A fine gara esclamò: “Non credevo ai miei occhi, il giocatore migliore che ho visto finora”. Seguito anche da Tottenham e Fulham, andò Liverpool appena 15enne per un milione di sterline, nel 2012 ha esordito in prima squadra iniziando un'ascesa inarrestabile. Nel 2015 viene ceduto al Manchester City per la cifra faraonica di 68 milioni, bonus compresi.

 

-Nicolas Anelka (Arsenal)

Fu preso da Arsene Wenger per appena 500 mila sterline dal PSG, con i Gunners vinse il double nella stagione 1997-98 e fu poi venduto al Real Madrid per 22,3 milioni di sterline la stagione successiva. Anelka poi girerà per i più grandi club d'europa tra cui Manchester City, Juventus e Chelsea.

 

-Gareth Bale (Southampton)

Ancora Southampton, una vera e propria macchina sforna talenti. Bale fu individuato in un torneo 6 contro 6 a Newport dall’osservatore dei Saints Rod Ruddick e ingaggiato nel 2005 a soli 16 anni. Il Tottenham approfittando delle difficoltà finanziarie del Southampton lo acquistò per appena cinque milioni di sterline; sarà poi rivenduto al Real Madrid per una cifra di 86 milioni di sterline.

 

Ultima modifica il
Paolo Mossini

Studente classe 1998, con una passione infinita per il calcio. L'atmosfera di St.James' Park l'ha fatto innamorare del Newcastle e del calcio inglese in generale

Torna in alto