A+ A A-

Owls' Corner: l'analisi della semifinale di ritorno play-off In evidenza

Si conclude amaramente la stagione dello Sheffield Wednesday, che nella gara valida per la semifinale di ritorno dei play-off vede sfumare il sogno del ritorno in Premier League. Non è bastato il gol firmato da Steven Fletcher poco prima dell'ora di gioco alle Owls per conquistare la finale a Wembley visto il pari degli ospiti messo a segno da un'autorete di Tom Lees, che nel tentativo di anticipare Wells ha depositato il pallone nella propria porta. Una volta ai supplementari la partita si è dimostrata ancora aperta ma le squadre non sono riuscite a superarsi nuovamente mandando il discorso ai calci di rigore. A rivelarsi decisivi dagli undici metri gli errori di Hutchinson e Forestieri, rispettivamente primo e ultimo tiratore. Grande amarezza dunque per le Owls, che dovranno ora programmare al meglio la prossima stagione e sperare di ottenere il tanto atteso ritorno in Premier League. Ne abbiamo parlato, nel nostro appuntamento finale della stagione, con gli Sheffield Wednesday Italian Supporters. A rispondere alle nostre domande Filippo Casalini, che ringraziamo per la disponibilità. 

 

-Sheffield Wednesday-Huddersfield Town 4-5 d.c.r.: una sconfitta che mette fine ad uno splendido cammino

Forse non dolorosa al pari dell'eliminazione dello scorso anno, ma sicuramente molto più dura da giustificare. Eravamo i favoriti assoluti ed abbiamo messo in piedi un doppio confronto opaco e avaro di idee, in cui è mancata la verve fondamentale per portare a casa il risultato, proprio come è successo fin troppo spesso in campionato. I ragazzi hanno dato il massimo e ci hanno provato fino alla fine, ma le due prestazioni offerte sono state al limite della sufficienza e deludenti rispetto a quanto ci aspettavamo noi tifosi. È veramente dura uscire così dopo i calci di rigore, ma ci rialzeremo e ci riproveremo.

 

-A rivelarsi decisivo negativamente, l'errore di Forestieri

Stagione di luci e ombre per lui, con quest'ultime che secondo me hanno prevalso a partire dal girone di ritorno. Forestieri ha pagato lo scarso minutaggio ed è sembrato abbastanza lontano dallo stato di forma strepitoso dello scorso anno. Questo errore dal dischetto pesa come un macigno, immagino come debba sentirsi e gli auguro di riprendersi nel miglior modo possibile. Spero che resti con noi e che torni a essere protagonista in positivo nella prossima stagione.

 

-Se da un lato c'è grande amarezza per il mancato ingresso in finale, c'è però una piccola consolazione: il ritorno dello Steel City Derby nella prossima stagione, visto il salto di categoria dei rivali cittadini

Nonostante la forte rivalità, sono contento che lo Sheffield United sia salito in Championship; la presenza dei concittadini arricchisce il campionato e lo rende più agguerrito, in più ci offre finalmente la chance di dimostrare la nostra superiorità. Mi auguro di ottenere sei punti nel doppio confronto che ci attenderà nella prossima stagione.

 

-Da quali elementi credi debba ripartire la squadra per la prossima stagione?

È una domanda da un milione di dollari. Il futuro di Carvalhal è ancora incerto, ma partirei da lui: le sue colpe sono evidenti nei numerosi passi falsi di quest'anno, ma è comunque il principale artefice della nostra rinascita ed un allenatore abbastanza giovane e con margini di crescita. C'è chi dice che serve un cambio alla guida; io non mi sbilancio e confermo la mia fiducia a Carvalhal, sperando che impari -come tutti- dai difetti di questa stagione per prepararne una vincente. Per quanto riguarda il resto, direi che occorre trattenere le nostre stelle: Hooper, Bannan, Lee, Westwood, Forestieri... ma devono assolutamente restare anche Wallace e Fletcher, assieme a chiunque altro sia motivato a proseguire. Servirà molto lavoro, specialmente sul piano tattico, e qualche acquisto mirato.

 

Ultima modifica il
Giulio Bianco

Studente classe 90, un diploma da Ragioniere ed una laurea in lingue (ambito turistico) alle spalle, ha una passione per il football d'oltremanica nata grazie a Gianfranco Zola. Ama il calcio in generale, ma soprattutto le "lower leagues".

Torna in alto