A+ A A-

Cosa ci ha lasciato in eredità la prima giornata di Championship In evidenza

CHAMPIONSHIP RIEPILOGO 1A GIORNATA/LONDRA- Che la Championship fosse un campionato ricco di emozioni ed imprevedibile lo sapevamo da tempo, e i primi 90 minuti della stagione ce ne hanno dato la conferma. E' giunto il momento di analizzare quanto accaduto nel corso della prima giornata, dove sono state messe a segno 23 reti, con una media di quasi 2 gol a partita. 

 

Che riadattarsi al campionato non fosse semplice, le tre retrocesse lo sapevano e ne hanno avuto la prova nei rispettivi match: nessuna delle tre squadre infatti ha vinto la gara d'esordio, uscendone con umori ampiamente diversi. Il primo Sunderland di Simon Grayson esce indenne nella sfida d'esordio con il Derby County davanti al proprio pubblico al termine di una gara piuttosto divertente ma che non vede né vincitori e né vinti. Andati sotto dopo 10 minuti per merito di Bradley Johnson, autore del primo gol non solo della Championship ma anche di tutta la Football League, i Black Cats riacciuffano il pari grazie ad un rigore di Grabban sul finire del primo tempo, ma rischiano più volte di andare sotto nella ripresa, riuscendo però a uscirne imbattuti tra le mura amiche. Inizia con un pareggio anche l'Hull City di Slutsky, che conquista un ottimo punto sul difficile campo dell'Aston Villa. Nonostante i tanti giocatori venduti e i pochi arrivi, i Tigers hanno messo in campo un'ottima prova e, anche aiutati dalla scarsa precisione in avanti dei più quotati Villans riescono a uscire indenni da Villa Park: al vantaggio di Agbonlahor risponde il 20enne Bowen. Inizia invece con una sconfitta sul campo del Wolverhampton Wanderers il Middlesbrough di Garry Monk: nella gara del Molineux, tanti sono stati i nuovi arrivati schierati dai due tecnici, a fare la differenza è stato  il brasiliano Bonatini, abile a sfruttare un errore della difesa del Boro nel primo tempo. Decisivo nel secondo tempo Joe Ruddy, bravissimo a negare il pareggio ad Assombalonga nel finale. Ci sarà molto da lavorare per il tecnico ex Swansea City e Leeds United, cui non è bastato schierare un pesante 4-3-3 con Braithwaithe, Assolbalonga e Fletcher

Gol e dedica a Karl Ikeme per Gabriel Agbonlahor, che inizia al meglio la nuova stagione. 

Non iniziano nel modo migliore nemmeno le altre deluse della scorsa stagione: solo un pari per il Fulham di Jokanovic, che contro il Norwich City trova il terzo pari casalingo di fila per 1-1 dopo i pareggi con Brentford e Reading nel finale della scorsa stagione. A sbloccare il risultato è un Martin, ma stavolta non Chris, tornato al Derby County; bensì Russell, capitano dei Canaries che nel tentativo di anticipare gli attaccanti dei Cottagers manda il pallone nella propria porta. La beffa arriva nel finale quando il neo entrato Nelson Oliveira si inserisce tra la difesa e batte Button. Iniziano con una sconfitta Reading e Sheffield Wednesday: i Royals di Stam vengono sconfitti a Loftus Road per mano di un QPR deciso a conquistare ogni pallone. Ad essere decisivo il bomber nordirlandese Conor Washington, autore di una doppietta. Nel primo tempo un colpo di testa a centro area su assist di Wszolek nel primo tempo e un calcio di rigore nella ripresa. Inizia con una sconfitta anche lo Sheffield Wednesday, che sul campo del Preston North End cade per mano di un rigore realizzato da Daniel Johnson a dieci minuti dalla fine. Buona la prima per il nuovo tecnico dei Lyliwhites Alex Neil, chiamato a sostituire Grayson, passato al Sunderland

 

Colpo di testa sotto porta e palla in rete. Conor Washington trova così la prima rete stagionale.

Un successo e due ko di misura invece per le tre novità provenienti dalla League One. A centrare i tre punti lo Sheffield United di Chris Wilder, che bagna nel modo migliore il ritorno in seconda serie a 7 anni di distanza vincendo il match tutto biancorosso con il Brentford grazie ad una rete nel primo tempo dell'implacabile Billy Sharp, trascinatore delle Blades nella scorsa stagione. Subito decisivo con alcune parate importanti il portiere Blackman, arrivato in prestito dal Chelsea. Non tutto da buttare invece per Millwall e Bolton: i Lions di Harrris, sconfitti sul campo del Nottingham Forest, pagano la scarsa precisione sotto porta sia prima che dopo il gol del vantaggio dei Reds di Warburton firmato Barrie McKay, uno dei nuovi arrivati. Sconfitta interna per i Trotters di Phil Parkinson, che nel match più bello della giornata cede 3-2 al Leeds United di Christiansen: quattro le reti messe a segno nel primo tempo. Vantaggio del Leeds con Kalvin Philips e raddoppio del solito Wood il Bolton accorcia le distanze grazie ad un colpo di testa di Madine su calcio d'angolo. Sul finire della prima frazione ancora Kalvin Philips riporta sul più due i Whites. Nella ripresa un rigore di Le Fondre riapre i giochi per i padroni di casa ma gli uomini di Parkinson non riescono ad acciuffare il pari anzi rischiano grosso quando un destro a giro dal limite dell'area di Pablo Hernandez colpisce la traversa. 

 

Kalvin Phillips esulta dopo una delle due reti messe a segno sul campo del Bolton. 

Iniziano ancora con un successo interno Bristol City ed Ipswich Town: i Robins di Lee Johnson, chiamati a rispondere dopo gli addii di Wilbraham e Abraham, superano il Barnsley con un netto 3-1 grazie ad una doppietta di Bobby Reid e del neo arrivato Famara Dedhiou nel primo tempo con consolation goal di Hedges nella ripresa per i Tykes. Buona la prima stagionale tra le mura amiche per i Tractor Boys, che per la 5° stagione consecutiva vincono la prima casalinga. Nel successo contro il Birmingham City di Harry Redknapp nel primo tempo si rivela decisiva la Goal Line Technology, che rende vane le proteste degli ospiti su un colpo di testa bloccato sulla linea da Bialkovski. Nella ripresa invece, a rivelarsi decisivo è il bomber Joe Garner, che firma il gol vittoria. Da segnalare nei padroni di casa il brutto infortunio del 18enne Dozzell, che termina in anticipo la stagione per via della rottura del legamento crociato. Inizia ancora una volta con una sconfitta interna il Burton Albion di Nigel Clough, beffato nel finale dal Cardiff City di Neil Warnock, che parte con il piede giusto grazie ad un rete della punta Zohore, giocatore del quale l'allenatore si priverà molto difficilmente nel corso di questa sessione di calciomercato. 

Inizia subito con un gol la stagione di Kenneth Zohore. Riuscirà il Cardiff City a tenerselo stretto?

Ultima modifica il
Giulio Bianco

Studente classe 90, un diploma da Ragioniere ed una laurea in lingue (ambito turistico) alle spalle, ha una passione per il football d'oltremanica nata grazie a Gianfranco Zola. Ama il calcio in generale, ma soprattutto le "lower leagues".

Torna in alto